mercoledì 30 maggio 2012

2volte, 2 scelte

Due volte fino ad ora,
solo Due volte,
forse sono le famose due volte 
proprio quelle insegnatemi da Gisela,
la mia pazza mamma Tedesca 
(Di questo parlero' un altro momento)
Gisela mi disse che:
Due persone si incontrano almeno due volte nell'arco della loro vita, la prima volta per caso, un incontro sfuggente e fortuito, la seconda per legarsi
Forse questo vale anche per gli aneddoti tra loro simili

Dicevo, due volte solo ho ricevuto uno sfuggente biglietto con un numero di telefono sopra e scritto "CHIAMAMI SE TI VA!"
PRIMO EPISODIO: risale a parecchi anni fa, una delle prime volte che lavoravo a contatto con la gente,
gggiovvvane e spensierata,
magra, abbronzata e con la canotta staff
"Il sole bacia i belli".
Come tutti i giorni, pausa pranzo in compagnia della mia zietta, in vacanza vicino all'hotel dove lavoravo.
Io e lei davanti al bancone del bar quando il barista allunga uno scontrino ripiegato su se stesso "per te!" In un secondo divento più scattante di un ghepardo e lamia mano afferra lo scontrino per far finta di buttarlo nel cestino, in realtà finisce in tasca.
Mia zia minaccia i baristi
"lasciate in pace mia nipote o avrete a che fare con me!
Che vergogna!!!
Torno a lavoro, dimentica del foglietto, a fine turno, torno in camera mi sdraio e lo riprendo tra le mani.
un numero di telefono, una serata poco entusiasmante fino a quel momento e un po' di fame,
penso, valuto e...
SECONDO EPISODIO:Oggi, in negozio, come al solito sul mio sgabello bianco, a questo giro, DIETRO al bancone che mando un messaggio ad A. per informarla degli ultimi movimenti quando rientra dalla porta coni suoi grandi occhiali, maglia larga, pantalone multicolor geometrico al polpaccio billabong e dice "Per te" guadagnandosi velocemente la porta.

Per rispetto alla persona ho tagliato la foto in maniera tale da non diffondere i suoi dati.
Giro e rigiro il biglietto tra le mani
"solo a me certe cose capitano!" Penso

Le differenze tra i due episodi:
  1. IERI: decisi di rispondere al biglietto inviando un sms al numero chiedendo se avesse voglia di mangiare un boccone con me; OGGI: non ho risposto al biglietto, ho preferito il silenzio!
  2. IERI: a mandarmi il foglietto era il barista, Silvio; OGGI a lasciarmi il biglietto è unA cliente... (e poi sono felice con il mio Chef!!!)
Mi Spiace Cara, ma non mi va di sentirti, non per cattiveria ma sinceramente non siamo sulla stessa Lunghezza d'onda!

Non è finita Qui!

Pomeriggio in compagnia di A. Finalmente!!!
Squilla il telefono e risponde lei... è per me!
Una voce, la riconosco, chiede:
"Ciao, volevo sapere se magari avevo scritto il numero sbagliato!"
"Sei la ragazza del biglietto, vero? -c h i e d o- Sinceramente non ti ho chiamata io!  -m e t t o  i n  c h i a r o-
"Ah ok. Come non detto!"
Finisce la conversazione
Forse ho avuto poco tatto al telefono ma già non avevo risposto... che bisogno c'era di chiamare??? 
Forse dovevo mandarle un sms con scritto:

Mi Spiace Cara, ma non mi va di sentirti, non per cattiveria ma sinceramente non siamo sulla stessa Lunghezza d'onda!

Non dovevo solo pensarlo! Io sono solo stata gentile come con tutto il resto della clientela, non volevo mica essere travisata in questa maniera!
Voi, come avreste reagito?


2 commenti:

  1. Mi sarei fatta una grossa risata e me la sarei tirata con il mio fidanzato :-)

    RispondiElimina

Related Posts Plugin for WordPress, Blogger...